n. 17

anno V - gennaio-marzo 2004 - pp. 128 - € 7.50

• Direttore: Roberto De Caro
• Redazione:
Gaspare De Caro, Michelangelo Gabbrielli, Antonello Lombardi, Elio Matassi, Elisabetta Pistolozzi, Andrea Schiavina, Valeria Tarsetti
• Hanno collaborato a questo numero:
Ennio Abate, Felice Accame, Marco Angius, Alberto Beneventi, Akeel Bilgrami, Guido Bizzi, Pier Augusto Breccia, Franco Bruni, Centro Studi Mozartiano, Giorgio Ciommei, Bruno Conte, Luca Cori, Mario De Caro, Danilo Faravelli, Paolo Ferrari, Gian Andrea Franchi, Nevio Gàmbula, Alberto Iesuè, Hans-Josef Irmen, Mario Lunetta, Milena Massalongo, Anna Maria Mazzoni, Massimo Melloni, Kurt Meyer, Cesare Milanese, Giuliana Montanari, Marilena Pasquali, Giulia Raymondi, Dina Ricc̣, Alessandra Scarpinella, Marina Toffetti, Pierfranco Vitale, Maurizio Zanolli
In copertina: Pier Augusto Breccia, Immaginazione e Potere (1998), part.




In memoriam
• Edward Said, l’umanista. Un ricordo intellettuale e personale di Akeel Bilgrami

Pagina senza nome

Edward Said ha rappresentato molte cose diverse per molte persone. […] Per il suo grande coraggio politico, perché molte volte infranse il suo cuor di leone per la causa della libertà palestinese, perché tanta parte dei suoi scritti più celebri sono intellettualmente legati a quella lotta e sono espressi con incontenibile fervore, il suo lascito intellettuale sarà principalmente politico – non solo tra i giovani o nell’immagine popolare, ma anche agli occhi del mondo accademico. Ciò è indiscutibile. Non può che essere così ed è giusto che lo sia. Questa componente della personalità di Said era ovviamente chiara agli occhi della sua gente, ma ha avuto grande importanza anche per molti altri, ai quali il conflitto palestinese rammenta come la lotta per la più elementare delle libertà non sia ancora conclusa. Poiché – giustamente – tanto si è scritto su di lui, io mi limiterò ad inquadrare la componente politica della sua esistenza e del suo pensiero nel più vasto contesto del suo umanesimo. Di questo parlavamo spesso, sia durante i corsi che tenevamo insieme sia in privato; e all’umanesimo Edward dedicò il suo ultimo libro, concluso poco prima di morire.


Vai al Sommario





© Copyright 2000-2018 Ut Orpheus Edizioni S.r.l. - Piazza di Porta Ravegnana 1 - 40126 Bologna (Italy)
R.E.A. Bologna n. 387145 - Cap. Sociale Eur 10.200,00 - R.I. Bologna - C.F./P. Iva 04320550371